martedì , Luglio 23 2019
Home / Calcio / La caduta del Sassuolo
la-caduta-del-sassuolo

La caduta del Sassuolo

5 vittorie, 2 pareggi, 9 sconfitte, 21 gol fatti, 28 subiti, quindicesima posizione e +8 alla salvezza: questo è il bilancio ad oggi del Sassuolo di Eusebio Di Francesco. Dov’è finito lo splendido Sassuolo capace di raggiungere i preliminari di Europa League con un calcio a dir poco spettacolare? In infermeria.

Gli infortunati

La lista degli infortunati dei neroverdi è davvero lunga e ha colpito la quasi totalità dei titolari: Gazzola, contusione all’embacino. Cannavaro, lesione del legamento collaterale del ginocchio. Duncun, problema alla caviglia. Politano, distorsione alla caviglia. Letschert, lussazione alla spalla. Tutti recuperabili dopo la sosta, oltre al lungodegente uomo fantasma Domenico Berardi, assente dal 28 agosto. Alla lista si aggiungono Biondini, rottura del tendine d’achille, recuperabile forse per aprile ed infine capitan Magnanelli, lesione del legamento crociato, stagione finita. Ad essi si aggiungono in lista gli acciaccati Missiroli e Pellegrini, problema muscolare per il primo, problema alla caviglia per il secondo.

Le recriminazioni

Le recriminazioni sono davvero tante, perché il Sassuolo era partito veramente forte: accesso ai gironi di Europa League conquistati e due vittorie nelle prime due partite senza prendere gol, con doppio Berardi, l’uomo in più per i neroverdi. Poi il buio, una serie di sfortunati eventi, uno dietro l’altro. Di Francesco non ci dorme la notte, ma finché ci si mette il destino, tutto ciò che può fare è impegnarsi ogni giorno affinché si possa raggiungere la luce alla fine del tunnel e rimanere in Serie A.

About Zoro

Cerca Anche

Calciomercato estivo 2017, affari conclusi: uragano PSG!

Neymar, Cavani e Mbappé. E’ questo l’attacco atomico grazie al quale il PSG si candida …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *